TESTIMONIANZA DI UN VOLONTARIO

L’Associazione Volontari Ospedalieri  ha festeggiato nel dicembre 2011 il traguardo importante dei 20 anni di servizio nell’ospedale di Schio. Siamo circa  un centinaio a Schio, ma quasi 30.000 in tutta Italia, uniti da un solo scopo: umanizzare le corsie di ospedali e case di riposo,portando sollievo, vicinanza, attenzione  a chi vive, magari in solitudine, l’esperienza della malattia. La nostra presenza in corsia è fatta di piccole cose: servizio, ascolto, rispetto, tenerezza, disponibilità, condivisione.

A tutti noi volontari, vecchi e nuovi, questa esperienza regala un’esistenza piena, consapevole e utile: quante volte ci sembra di sprecare il nostro tempo?   Il servizio al malato ci insegna a dare sostanza e valore al tempo, e a vivere la vita con  gratitudine.

È facile, nel vortice delle cose fa fare ogni giorno, perdere di vista le cose davvero importanti e necessarie. Il servizio, l’ascolto e la vicinanza al fratello malato sono la cura contro l’individualismo che riempie azioni e pensieri degli uomini dei nostri giorni.

La relazione con l’altro è sempre una fonte di ricchezza, ma diventa scuola di vita a contatto con la malattia, e ci costringe a  riflettere sul valore della vita e della salute, e certamente ci interroga sul senso del dolore e della morte.

Avvicinarsi alla sofferenza ci aiuta a crescere come persone; tutti noi volontari abbiamo sperimentato la ricchezza che è racchiusa nel dare, molto più che nell’avere, e vi assicuro che non è un modo di dire o una frase fatta, ma è esperienza toccata con mano. Abbiamo scoperto che la vita acquista  un senso profondo quando viene donata, e non tenuta per sé.

La nostra è un’associazione laica, aperta a tutte le persone di buona volontà, ma per molti di noi  la motivazione a fare AVO non è soltanto etica: si tratta di tradurre in stile di vita il nostro credere, testimoniando con le opere che abbiamo incontrato l’amore di Dio.

 Tutto ciò che siamo ci è stato regalato, perciò anche la nostra vita può diventare dono.

Il nostro volontariato è gratuito, l’amore vero non può che essere gratuito, perché nasce da un desiderio e non da un obbligo; e spesso il bene è anche  contagioso, perché chi possiede una grande gioia nel cuore fa fatica a  nasconderla, e sente l’esigenza di condividere con gli altri questo  dono.

E’ così che in questi vent’anni si sono aggiunti tanti amici, a cui rivolgiamo un pensiero affettuoso: a chi continua, a chi per motivi diversi non può più fare servizio, ma il malato lo porta nel cuore. E oggi non possiamo dimenticare tutti gli amici volontari che in questi 20 anni ci hanno lasciato qui sulla terra, ma che sono e resteranno sempre vivi nel nostro ricordo.

Stare a contatto con la sofferenza non è sempre facile, per questo è necessario camminare insieme per rinnovare le motivazioni del nostro agire. I corsi di formazione permanente, le riunioni di gruppo, e le occasioni speciali come questa servono a  riprendere con entusiasmo il nostro cammino accanto al fratello che soffre.

Annamaria Roccato

 

 

Convocazione Assemblea annuale 2013

Ai

SOCI dell’Associazione Fondatori Nuova Cultura per il Volontariato

 

6 maggio 2013

Oggetto: convocazione Assemblea annuale 2013

Carissimi Soci,

comunichiamo che l’Assemblea annuale dell’Associazione si terrà in 1a convocazione il giorno 31 maggio alle ore 18, ed in 2a convocazione sabato giugno 2013, alle ore 10,30, in Milano, presso la Sede dell’Associazione, in via Dezza 26, con il seguente Ordine del Giorno:

1)   Saluto della nuova Presidente Machado Cristina;

2)   Saluto del Presidente emerito prof. Longhini: aggiornamento del Progetto Voluntas e breve riepilogo sulla progettata Fondazione “Nuccia Longhini”;

3)   Discussione sul progetto Voluntas e presentazione di quanto prospettato nel Consiglio (programma e progetti per il triennio)

4)   Rendiconto Bilancio Consuntivo 2012 e Preventivo 2013 – Relazione dei Revisori

5)   Varie ed eventuali

 

L’augurio è di incontrarvi quanti più possibile all’Assemblea (che inizierà alle ore 10,30 per concludersi entro le ore 13,30), per discutere su varie questioni in particolare in questo momento di variazione del Presidente e di progettazioni future, per cui sono necessarie le idee ed il concorso propositivo di tutti, anche per dimostrare e far sentire al prof. Longhini il calore della nostra vicinanza, in un momento per lui particolare.

Ci attendiamo quindi una calorosa partecipazione – anche ben sapendo che questo è un mesi di vari impegni – ma se proprio non vi fosse possibile intervenire vi preghiamo caldamente di delegare un socio di vostra fiducia, consegnando il tagliando sottostante direttamente al socio, o, in alternativa, inviandolo per e.mail al Segretario Mauro Quaglia (mauro.quaglia@fastwebnet.it), o alla Presidente (cmachado@alice.it)

Vi ricordiamo che il buffet sarà offerto dall’Associazione, mentre le spese di viaggio restano a carico del Soci. Per ragioni organizzative, le prenotazioni dovranno essere comunicate a Mauro Quaglia (tel. 339 6453102- e.mail sopracitata) entro e non oltre il 21 c.m.

Grazie della collaborazione, e a presto !

 

Il segretario (Quaglia dr. Mauro)                                           la Presidente (Machado d.ssa Cristina)